IL SANTUARIO NURAGICO DI SANTA CRISTINA

Il Santuario Nuragico di Santa Cristina è un luogo che mi ha lasciato a bocca aperta per li suo mix di storie e cultura e per la sua particolarità. Il complesso archeologico si trova nella zona centrale della Sardegna, precisamente in un piccolo comune di circa 2.000, Paulilatino, in provincia di Oristano, lungo la Strada Statale 131. Non appena arrivati nel parcheggio, ci si rende immediatamente conto della vastità del parco archeologico, interamente avvolto nella natura.

Il sito è suddiviso in due zone principali: la prima è costituita dal famoso tempio sacro a pozzo e dalle strutture nuragiche annesse tra le quali spicca una capanna circolare, probabilmente destinata alle riunioni della popolazione e da alcune capanne. La seconda zona che compone il sito archeologico, è formata invece da un antico nuraghe mono-torre e da alcune capanne dalla forma allungata. Il parco archeologico non è composto solamente da resti nuragici, al suo interno è anche presente una piccola area devozione Cristiana, composta dalla Chiesa di Santa Cristina e da alcune abitazioni.

Ok! Ora è il momento di concentrarsi sulla scoperta del pozzo sacro!! Il pozzo si trova all’interno di un “Tèmenos”, ovvero una recinzione in pietra a forma ellittica che, un tempo, aveva la funzione di divisione della zona sacra da quella profana. Ma non basta, il pozzo, a sua volta, è racchiuso in un’altra recinzione a forma di serratura, all’interno della quale, sovrastato da una scalinata composta da 35 gradini, è custodito il pozzo sacro di Santa Cristina. Formato da una cella circolare (di diametro pari a 2.5 metri) coperta da una “Thòlos”, ovvero una cupola ogivale alta quasi 7 metri e, mano mano che si sale, diminuisce, fino a creare un foro in superficie, di 35 centimetri. Ancora oggi, l’acqua del pozzo, si alimenta grazie a una falda perenne e si livella grazie a un canale di scarico.
Ma che funzione aveva il pozzo sacro? Bene, questa domanda non porta a una risposta specifica, ma apre due scenari paralleli. Il primo fornisce una risposta a carattere religioso, attribuendo alla struttura una funzione dei culto, mentre la seconda teoria attribuisce al luogo una funzione di osservazione e analisi astronomica, infatti, in un particolare momento dell’anno, la luna si riflette sul fondo del pozzo. Sono quindi due teorie abbastanza in contrasto tra loro, ma entrambe lasciano nella fantasia di ogni visitatore la risposta esatta alla domanda :-).

Come dicevamo in precedenza, il pozzo sacro, è circondato da resti di strutture risalenti all’epoca nuragica, tra i quali spicca una capanna circolare dal diametro di 10 metri (probabilmente all’epoca era coperta) al cui interno si trova una seduta che corre lungo tutta la parete circolare al tempio, probabilmente aveva la funzione di riunire una parte della comunità per l’organizzazione delle riunioni del villaggio. Vicino alla capanna principale, si trovano circa una decina di capanne, disposte a schiera e si presume, proprio per la loro disposizione, una loro funzione commerciale e un recinto, usato per custodire il bestiame.

A circa un centinaio di metri dal pozzo sacro, sorge il complesso nuragico, all’interno del quale è situato un nuraghe mono-torre, in perfette condizioni, e al suo fianco sorgono tre capanne dalla pianta allungata con una funzione di ricovero per gli animali. Completa il parco archeologico, il complesso del parco devozione Cristiano, che si sviluppa attorno alla chiesa di Santa Cristina, circondato da 36 piccole abitazioni dette “Muristenes”, costruite a partire dal XVIII secolo. Abitazioni che costituiscono un “novenario” cioè un luogo dove i fedeli si riuniscono in preghiera nei nove giorni precedenti le festività. La zona del pozzo sacro di Santa Cristina è un luogo affascinate e pieno di storia, dal sapore particolare di una terra unica!

Il pozzo sacro di Santa Cristina, si trova in Località Santa Cristina sn, 09070 Paulilatino (OR). Il parco si può visitare tutti i giorni dalle ore 8:30 alle ore 21:30. La visita completa dura circa 90 minuti ed è possibile visitare il sito in compagnia dei vostri animali. Per maggiori informazioni visitare il sito www.archeotour.net oppure chiamare il numero 0785.55438.